CORTONA ON THE MOVE 2019
-
Officina di Stampa: Fine Art a Km. 0


Il Cortona on the Move è un festival fotografico che non ha bisogno di presentazioni. Grazie all'impegno del suo staff nel giro di pochi anni è diventato una delle realtà più interessanti per quanto riguarda la fotografia d'autore.
Il nostro laboratorio fotografico professionale questo anno si trova alla sua seconda collaborazione con questa importante realtà e insieme ai nostri amici di Canon ci siamo occupati della realizzazione delle opere esposte.

Lavorare a un festival così importante è una sfida che si rinnova ogni anno e che ci permette di migliorare costantemente flussi di lavoro. Anche in questa occasione ci siamo occupati della: STAMPA FINE ART, delle PANNELLIZZAZIONE MUSEALI su DIBOND/FOREX e delle CORNICI PER FOTOGRAFIE con o senza PASSEPARTOUT.
Come è possibile immaginare si tratta di un volume di lavoro estremamente consistente che deve essere seguito con la massima attenzione in tutte le sue fasi.
Proprio per offrire la massima qualità abbiamo deciso di riproporre il format dell'OFFICINA DI STAMPA by CENTER CHROME e CANON. Grazie al supporto tecnico dei nostri amici di Canon abbiamo allestito un vero e proprio laboratorio di stampa fine art nella sede del festival.
Tutta la produzione delle STAMPE FINE ART GICLEE è avvenuta on-site grazie ai PLOTTER INKJET CANON imagePROGRAF di grande formato.
La sfida che abbiamo affrontato durante la produzione di questa edizione del Cortona on the Move è stata costituita dalle grandi dimensioni della opere in mostra.
Lo statement della direzione artistica riassume perfettamente le tematiche del festival e ci permette di comprendere il perchè delle soluzioni tecniche da noi implementate:
“Il paesaggio, la natura, il territorio son parte integrante della storia dell’umanità. Parlano di noi, di chi siamo, di cosa vogliamo. Nel bene e nel male, l’ambiente che ci circonda riflette il nostro pensiero e le nostre azioni.
La fotografia di territorio e di paesaggio rivela e interpreta i nostri desideri, le nostre intenzioni e le nostre credenze perché la natura e l’ambiente rispecchiano l’evoluzione dell’essere umano, l’inevitabile e l’evitabile, il progresso e l’errore.
Traspare nel paesaggio, nella sua accezione più ampia, la relazione, difficile ma familiare, contrastata e desiderata dell’uomo con il suo intorno. Lasciamo tracce, le nascondiamo, riappaiono. Consciamente e inconsciamente ci sentiamo parte della natura. La amiamo e la maltrattiamo.
Il paesaggio è il nostro mondo, la nostra casa. Apparteniamo ai luoghi che abbiamo visto e conosciuto. Li facciamo nostri. Li coccoliamo. Li cerchiamo. Ne fuggiamo. La nostra memoria e i nostri gesti si uniscono inossidabili allo spazio che occupiamo. Ogni luogo diventa un simbolo. E’ il nostro appartenere, il nostro esserci. L’ambiente, nel suo senso più ampio e comprensivo, naturale e urbano, siamo noi.
L’edizione di Cortona On The Move 2019 continua l’intenzione del festival di essere uno spazio di riflessione e di racconto visivo del mondo in cui viviamo. Il focus di quest’anno si muove attorno al rapporto tra gli umani e il paesaggio. La natura e l’ambiente sono parole chiavi ai giorni nostri. Sia nell’ambito delle problematiche ecologiche e urgenti che vanno affrontate, che in relazione alla situazione economico-sociale mondiale, il territorio è un protagonista centrale del vivere umano.
In questa edizione, attraverso la fotografia documentaristica contemporanea, e sotto la direzione artistica di Arianna Rinaldo, i lavori in mostra rivelano e interpretano la relazione dell’essere umano oggi con il suo intorno. Una relazione complessa, sfaccettata che ci pone interrogativi sul nostro presente, sul futuro e sul passato.
La storia dell’uomo è tracciata nel paesaggio, la natura che ci circonda ne è marcata, spesso ferita, il territorio mostra segni di appartenenza e di passaggio. L’ambiente, nel bene e nel male, registra le azioni dell’umanità e diventa testimone della storia.”


In definitiva ci trovami davanti a un insieme di mostre fotografiche che presentano il territorio/paesaggio come un testo da leggere e alle volte decifrare.
Per questo motivo abbiamo messo grande impegno nel realizzare stampe fine art fedeli alla visione dei singoli autori e perfettamente fruibili dal pubblico.
Il grande numero di autori ci ha messo difronte alla necessità di ottimizzare le immagini in maniera individuale così da rendere al meglio il linguaggio visivo dei singoli autori.

Un esempio dell'unicità delle immagini che abbiamo stampato è rappresentato dalla mostra di Paolo Verzone che ha documentato gli abitanti di una delle comunità più a Nord del mondo, Ny-Ålesund.
Vista la tematica ci siamo trovati davanti a scenari artici dominati dai toni neutri delle neve “sporcati” dai colori fluo estremamente saturi dei manufatti umani.
Rendere il manto nevoso e i ghiacci in maniera credibile e al contempo rispettare la brillantezza delle zone più sature e dense è stato possibile grazie a un'accurata profilazione dei plotter e da una fase di prestampa molto attenta.
Il risultato finale è una serie di immagini omogenea e che rende giustizia alla visione di Paolo.
Questo lavoro ci è piaciuto così tanto che col permesso dell'autore e dello staff del Cortona on the Move abbiamo deciso di realizzare un LIGHTBOX FINE ART di una delle immagini più iconiche di questo interessantissimo progetto.
Infatti la STAMPA FINE ART RETRO ILLUMINATA CON LED è l'ideale per restituire contrasti elevati senza perdere però i dettagli delle zone più dense dell'immagine.