COME NASCE
UNA
FINE ART PRINT
SOTTO PLEXIGLASS?

Stampa Fine Art e Saper Fare Artigianale

QUALI FOTOGRAFIE MONTARE SOTTO PLEXIGLASS?

Come è possibile vedere dalla nostra sezione servizi la nostra azienda offre sia ai fotografi professionisti che agli amatori una vastissima gamma di soluzioni.
Il nostro obbiettivo è quello di trasformare le immagini dei nostri clienti in opere e oggetti d'arte.

Essendo nati come un laboratorio fotografico professionale nei "lontani" anni 80' siamo ancora legatissimi al mondo della stampa in camera oscura e al "saper fare manuale". Per questo motivo continuiamo a offrire servizi esclusivi come lo SVILUPPO PROFESSIONALE PELLICOLE e la STAMPA AI SALI DI ARGENTO CON INGRANDITORE DIGITALE LAMBDA DURST e abbiamo una vera e propria CORNICERIA ARTIGIANALE che si occupa della realizzazione di finiture specifiche per le stampe fine art che realizziamo con tanta passione.
Lo confessiamo, ci piace ancora poter toccare la fotografia!

Per noi infatti un'ottima stampa fine art è solo l'inizio del percorso che porta all'opera finita. Non importa che si vada a incorniciare la stampa con le nostre cornici artigianali o che la si trasformi in un LIGHTBOX FINE ART, il comune denominatore è l'attenzione e un continuo lavoro di relazione e consulenza coi nostri clienti.

Prima di parlare degli aspetti tecnici che stanno dietro alla realizzazione di una STAMPA FINE ART SOTTO PLEXIGLASS infatti è importantissimo parlare di quali sono le immagini che maggiormente ne beneficiano.
Molto spesso i fotografi che vengono da noi hanno grossi dubbi su come trasformare la loro visione in un'opera finita. Per questo motivo una delle parti più belle del nostro lavoro è capire insieme agli autori le soluzioni migliori per le loro necessità espressive.

La stampa fine art montata sotto plexiglass è una delle lavorazioni più complesse e esclusive che realizziamo che riscontra un incredibile successo non solo fra artisti e fotografi ma anche nel mondo dell'interior design e dell'arredamento.
Per capire il motivo di questo successo e dell'appeal che questo tipo di oggetti d'arte suscitano basta averne visto uno dal vivo.
Grazie al montaggio sotto una lastra di plexiglass ultra trasparente la STAMPA FINE ART sia essa una Giclèe certificata o Cprint Lambda Durst acquisisce una incredibile profondità e brillantezza.
Questo è dovuto all' "effetto bagnato" reso possibile dall'accoppiamento fra la lastra di plexiglass e la stampa mediante un polimero siliconico acid free.
L'immagine originale senza interventi realizzata con smartphone Xiamo Mi-9 che poi è diventata la fine art print sotto plexiglass del video seguente.
L'immagine post prodotta tenendo conto dell'effetto finale che avrebbe avuto una volta stampata col nostro Plotter Fine Art Canon e montata sotto Pelxiglass Ultra Clear.
La stampa fine art sotto plexiglass quindi è dotata di caratteristiche fisiche uniche che proiettano l'immagine fotografica nel mondo tridimensionale.
La lastra di plexiglass può avere diversi spessori: 2mm, 3mm, 5mm, 1Cm e su richiesta si possono realizzare montaggi "ultra spessi" fino ai 3/5 Cm.

La fotografia a colori in generale rende benissimo se rifinita con questo tipo di procedimento ma anche IL MONTAGGIO DI STAMPE FINE ART BIANCO E NERO è dotato di un'estetica particolare.
In questo articolo nello specifico ci soffermeremo sul tema del colore.
Generalmente si è portati a pensare che solamente immagini estremamente cariche di colore e contrastate possano essere esaltate dal plexiglass invece questo non è totalmente vero.
Chiaramente una fotografia già di partenza brillante e satura risulterà ancora più accattivante.
Ma cosa succede se "osiamo" e andiamo a montare sotto plexiglass una fotografia invece dai toni delicati tendenti al pastello?

Come è possibile vedere nella gallery qui sopra abbiamo deciso di prendere questa direzione per la fotografia che poi diventerà la protagonista del video che spiega come nasce una stampa fine art sotto plexiglass.
Quello che abbiamo fatto è stato molto semplice e cioè abbiamo "pre visualizzato" quello che sarebbe stato l'effetto del montaggio sotto plexiglass e abbiamo posto prodotto l'immagine conseguentemente.
Le strade erano fondamentalmente due e cioè realizzare un post produzione aggressiva per esaltare saturazione e contrasto oppure utilizzare le informazioni contenute nel formato .DNG per andare a creare un coloring delicato estraendo più informazioni possibili dalle zone chiuse. 

Ovviamente abbiamo implementato il secondo tipo di strategia che è apparentemente in contrasto con l'estetica del montaggio sotto plexiglass. 
Le fotografie a basso contrasto e dai toni pastello sotto plexiglass acquistano una incredibile luminosità che viene diffusa creando un piacevole effetto fluo.
Questa combinazione fra nuances delicate e luminosità diffusa contribuiscono a dare un gusto estremamente fotografico alle opere che andiamo a realizzare con questa combinazione di coloring, stampa fine art e lavorazione artigianale.

In definitiva è impossibile generalizzare facendo una sorta di elenco di casistiche che riassuma quando utilizzare o non utilizzare la stampa fine art sotto plexiglass. 
Quello che vi possiamo offrire sono: la nostra consulenza per creare progettare insieme la vostra opera e il nostro servizio di STAMPA E POST PRODUZIONE COLLABORATIVA che ci permette di affiancare i nostri clienti nel lavoro di editing e coloring.

ARTIGIANATO E TECNOLOGIA

Quando si parla di STAMPA FINE ART in genere ci soffermiamo sulle specifiche: delle stampanti di ultima generazione, delle carte fine art certificate e dei flussi di post produzione.
Come anticipato per noi questo è solo l'inizio perchè grazie alla nostra esperienza col complesso mondo dell'arte contemporanea, del collezionismo e della creazione di oggetti d'arte per l'arredamento poniamo incredibile attenzione alle finiture artigianali.
Fra queste finiture artigianali c'è appunto il montaggio di stampe fine art sotto plexiglass.
Amiamo molto questa lavorazione perchè unisce il meglio della fine art print sia inkjet che cromogenica con ingranditore digitale Lambda a un approccio strettamente artigianale.
Ma come nasce una fine art print sotto plexiglass?

Tutto ha inizio con una fase di consulenza durante la quale insieme all'autore individuiamo la soluzione migliore per quello che vuole fare.
Spesso succede che partiamo con un'idea ma poi alla fine andiamo a impiegare finiture totalmente diverse da quelle preventivate.
Questo perché per noi è fondamentale il dialogo, alla fine produciamo pezzi unici che hanno caratteristiche fortemente artigianali.

Solo dopo aver individuato il tipo di stampa da utilizzare e le finiture cominciamo la delicata fase dell'ottimizzazione dell'immagine per la stampa.
Nel caso si parta da pellicole analogiche utilizziamo il nostro SCANNER A TAMBURO ICG. I files a altissima risoluzione poi vengono consegnati all'autore oppure post prodotti insieme a lui.Lo stesso vale se si parte da un file RAW. 
Molto spesso lavoriamo con autori che invece ci portano le loro immagini già in formato Tiff o Jpeg. In quel caso ci limitiamo a eseguire collaborativamente azioni "semplici" come: l'aggiustamento dei toni, la color correction e l'applicazione dello sharpening basato sull'output di stampa.

La bellezza della stampa fine art sotto plexiglas risiede non solo nelle sue caratteristiche uniche di brillantezza e tridimensionalità ma anche nella sua versatilità.
E' infatti possibile montare sotto plexi sia stampe inkjet fine art che stampe lambda. 
In genere si predilige la stampa Giclée fine art quando dobbiamo riprodurre immagini con saturazioni impegnative oppure fotografie in bianco e nero. Invece la stampa con ingranditore digitale lambda viene utilizzata qualora si volessero realizzare plexiglass fine art dal sapore fotografico o con un formato superiore al 120x400 Cm.

In questo caso abbiamo optato per una stampa inkjet fine art realizzata col nostro plotter di ultima generazione CANON Image Prograf4000. Come supporto abbiamo scelto una carta fine art certificata testata negli anni e apprezzata sia per la sua resa cromatica che per la sicurezza con cui può essere accoppiata al plexiglass.
Il procedimento di accoppiamento lastra/plexi avviene utilizzando uno speciale silicone ultra trasparente privo di componenti volatili e acide. 
Questo garantisce opere esteticamente perfette e durature nel tempo.

E' proprio durante il processo di montaggio che entra in gioco l'expertise artigianale maturata in tutti questi anni passati all'interno del nostro laboratorio fotografico.
Che si realizzi una stampa sotto plexiglass 180x400 Cm. o un 30x45 Cm. il montaggio è la fase più delicata e richiede tutta l'attenzione e la preparazione dei nostri operatori.

Una volta accoppiati stampa e plexiglass si applica come fondo una lastra di Dibond per chiudere il "Sandwich". Questo garantisce ulteriore planarità e protezione all'opera e consente l'applicazione sul retro di distanziali in alluminio che permetteranno un'installazione a parete con effetto "galleggiante".
Come anticipato precedentemente è possibile scegliere vari spessori di plexiglass, in questo caso abbiamo optato per un classico 3mm. .
Questa soluzione è molto apprezzata perché conferisce all'opera vividezza e  profondità a un prezzo veramente interessante.
Un aspetto interessante delle stampe fine art sotto plexiglass è che possono essere sagomate a piacimento. Infatti grazie all'utilizzo di una fresa a taglio numerico i nostri clienti possono "disegnare" la forma finale della loro oggetto d'arte. Qualche mese fa abbiamo dedicato un intero articolo alla STAMPA FINE ART SOTTO PLEXIGLASS CON FRESATURA NUMERICA.

Per quanto riguarda le modalità di installazione c'è poco da dire.
L'opera finale può essere tranquillamente installata a muro mediante uno o due punti di ancoraggio. In alternativa è possibile rifinirla con una delle nostre CORNICI ARTIGIANALI PER FOTOGRAFIA FINE ART oppure presentarla sorretta da una delle nostre STRUTTURE AUTOPORTANTI PER MOSTRE FOTOGRAFICHE TEMPORANEE.
Per opere inferiori al 70x100 Cm su un muro di mattoni si può utilizzare anche un semplice chiodo o tassello mentre per quelli superiori è opportuno valutare soluzioni in base alla superficie di installazione. Anche in questo caso sapremo consigliarvi l'opzione migliore.

Più sperimentiamo e più troviamo nuove soluzioni da proporre ai nostri amici e clienti. Molto spesso è proprio dall'incontro con fotografi professionisti, artisti, studenti di fotografia e amatori che nascono le idee migliori.
Per questo motivo vi invitiamo a venirci a trovare nei nostri 600 Mq di laboratorio fotografico situato a Firenze oppure nel nostro nuovo CENTER CHROME SHOWROOM MILANO.
In questa sede distaccata che si trova nel cuore di Milano (zona Tortona) troverete un luogo dove incontrarci per trasformare le vostre immagini e visioni in oggetti d'arte.

L.D.S.

Potrebbe interessarti anche: