DALLA STAMPA FINE ART
COLLABORATIVA
ALL'OPERA FINITA
CON
PIERO MANNINI

TRASFORMIARE L'IMMAGINE DIGITALE IN FINE ART PRINT

Il mondo della fotografia contemporanea è caratterizzato da una iper produzione di immagini e dalla loro fruizione su device digitali.
Da una parte abbiamo un'effettiva “democratizzazione ” della produzione di immagini (sia statiche che dinamiche) e dall'altra un loro consumo estremamente veloce che lascia poco spazio alla loro analisi e osservazione.
In questo scenario estremamente dinamico operano sia fotografi professionisti che amatori.
Piattaforme come Instagram infatti di fatto concedono gli stessi strumenti e le stesse modalità di diffusione a tutti. L'analisi dei dati analitici dimostra un fatto abbastanza sorprendente e cioè che il tempo che dedichiamo alla visualizzazione delle immagini è mediamente molto simile. In parole povere quando postiamo uno scatto su Instagram poco importa il tempo e la cura impiegati per realizzarlo, l'utente lo passerà in maniera abbastanza veloce. In questo sistema l'unico feedback è diventato appunto il like o il commento.
Questo “fast food” fotografico sembra avvalorare la tesi emersa nel primo decennio degli anni 2000
dove sembrava che la fotografia stampata dovesse andare incontro a morte certa, magari fatte alcune rarissime eccezioni. Si vociferava che le mostre sarebbero state in gran parte presentate su schermi ultra piatti in modo da contenere i costi grazie alla modularità e alla scalabilità di questo tipo di opzione.
Quindi perchè siamo qui a parlare di STAMPA FINE ART?

Paradossalmente questa accelerazione nella creazione di contenuti ha provocato una brusca inversione di tendenza.
Sia i fotografi che il pubblico si sono stancati di sfogliare gallery infinite che non lasciano il tempo di apprezzare al massimo lo sforzo creativo di chi le immagini le produce.
La fotografia online si è nel tempo trasformata in un volano che (ri)lanciato l'interesse per: mostre, festival fotografici, letture portfolio e workshop in presenza.

Roberto Mannini incarna perfettamente questo ritorno al desiderio di trasformare le proprie immagini in oggetti d'arte grazie alla STAMPA FOTOGRAFICA FINE ART.
Il percorso di Roberto è estremamente interessante poiché si tratta di un autore che ha cominciato a scattare giovanissimo in analogico per poi convertirsi al digitale.
Questa “conversione” come per molti ha coinciso col proporre sia commercialmente che artisticamente le proprie immagini in formato quasi esclusivamente digitale. Roberto si è trovato così avere un grandissimo seguito sul web e sui social senza praticamente aver stampato nessuna delle sue opere in tempi recenti.
E' stato proprio il bisogno di avere una versione fisica delle proprie opere a indirizzare Roberto verso il nostro laboratorio fotografico professionale.

Sempre più fotografi professionisti e amatori evoluti infatti vengono da noi con serie di immagini estremamente importanti che tuttavia non sono mai uscite dagli hard disk una volta post prodotte.
Spesso si tratta di progetti fotografici che hanno ricevuto un grandissimo consenso online e che magari sono state anche presentate su riviste e fanzine digitali.
Molto spesso sono proprio i followers di questi autori i primi a chiedere di poter acquistare le immagini stampate in maniera professionale.

La fotografia beauty di Roberto unisce la visione classica dei maestri del genere a un approccio estremamente personale derivante dalla sua formazione da autodidatta. Lungo il suo percorso Roberto ha avuto modo di partecipare a numerosi workshop ma fondamentale si è rivelato quello con Roberto Fiocco che lui considera il suo maestro.
Gli scatti che compongono il suo portfolio comprendono sia fotografia a colori che bianco e nero. E' importante sottolineare come questo autore, essendo estremamente ferrato in campo di post produzione, scatti già ben consapevole come elaborerà l'immagine.
Per questo motivo trasformare le immagini di Roberto in STAMPE FINE ART SIA INKJET che BIANCO E NERO AI SALI DI ARGENTO CON INGRADITORE DIGITALE LAMBDA si è rivelata un'operazione estremamente fluida e piacevole.

La cosa bella quando incontriamo per la prima volta autori come Roberto è che ci troviamo davanti a un territorio vergine che possiamo esplorare senza limiti e preconcetti.
Spesso quando lavoriamo con persone che hanno già stampatoci troviamo a fare delle consulenze che devono tenere conto delle loro preferenze pregresse maturate negli anni.
Questo alle volte è però un ostacolo che frena il ricorso a nuovi tipi di supporti fotografici e di presentazione.

L'IMPORTANZA DELLA COLLABORAZIONE

uello che è successo con Roberto ha assunto da subito tutte le caratteristiche di una classica sessione di STAMPA COLLABORATIVA.
Questa modalità di lavoro vede l'autore affiancato da un nostro operatore nella scelta dei supporti più adatti per realizzare stampe fine art che esaltino il contenuto delle sue immagini.
Gli step di questo delicato processo sono fondamentalmente tre: come prima cosa si visualizzano su uno dei nostri monitor professionali calibrati le immagini. Questo ci consente non solo di avere un'idea generale del loro mood e estetica ma anche successivamente i eseguire una sessione di soft proofing e color correction.
Una volta ultimate le correzioni pre stampa andiamo poi a stampare le stesse immagini su diversi tipi di carta e con diverse tecnologie.
Vedere i provini di stampa giustapposti è l'unico modo per avere una base comune sulla quale discutere le future mosse con l'autore.

Come accennato precedentemente Roberto è un autore che cura maniacalmente sia la fase di scatto che quella di post produzione. Per questo motivo si è rivelato fondamentale trovare un tipo di stampa che restituisse al meglio gli incarnati delle sue bellissime modelle.
Gli scatti bianco e nero (dopo una attenta fase di valutazione) sono stati stampati col nostro INGRANDITORE DIGITALE SU CARTA BIANCO E NERO AI SALI DI ARGENTO. Questo ci ha permesso di avere i neri profondissimi della stampa tradizionale uniti alla libertà creativa della gestione digitale dell'immagine.
Per quanto riguarda il colore invece l'autore ha fatto una scelta estremamente coraggiosa
che ha dato ottimi risultati. Infatti abbiamo optato per una STAMPA INKJET FINE ART SU CARTA HAHNEMUHLE PR METALLIC.
Questo tipo di carta lustre ha un finishing metalizzato/madreparlato che è in grado di trasformare gli incarnati in superfici radiose che sembrano emettere calore come fosse pelle.
Alla fine di questa lunga sessione di stampa collaborativa abbiamo realizzato tre opere 40x60 di cui due sono stampe giclée fine art certificate e un'altra invece è una stampa bianco e nero ai sali di argento con ingranditore digitale.
Per dare uniformità alle opere e per proporle per la vendita online l'autore ha scelto una delle nostre CORNICI ARTIGIANALI PER FOTOGRAFIE. Fra i tanti profili disponibili il più adatto è risultata la classica americana floating che è possibile vedere nel video e nelle foto che corredano questo articolo.

Per noi è sempre una grande emozione incontrare nuovi autori per aiutarli a creare le loro opere d'arte. Amiamo dire che il nostro non è solo un lavoro tecnico ma sopratutto di relazione e di empatia. Vista l'attuale situazione legata alla pandemia il nostro laboratorio fotografico ha implementato una serie di protocolli che ci permettono di lavorare con sicurezza e libertà.
Questo vale per il nostro laboratorio fotografico di Firenze e anche per il nostro CENTER CHROME MILANO SHOWROOM.
Questo nuovo spazio dedicato al meglio della stampa fotografica fine art situato nel cuore di Milano è nato proprio dalla voglia di stare insieme con i nostri amici e autori per fare la cosa che ci rende felici e cioè: trasformare le immagini in oggetti d'arte belli e duraturi nel tempo.