PANNELLIZZAZIONE
FINE ART PRINT
su
DIBOND

Massimo Listri
Il mondo della stampa fotografica fine art è stato rivoluzionato dall'avvento delle tecnologie digitali. L'arrivo delle prime stampanti cromogeniche digitali come il nostro INGRANDITORE DIGITALE LAMBDA coincise con la diffusione sia a livello industriale che artistico della stampa fotografica di grande e grandissimo formato. 
Stampanti come la Lambda Durst o Lightjet già negli anni 90 arrivavano come banda a 180cm. Questo tipo di stampanti fotografiche permette direalizzare CPrint per un formato massimo 180x600cm, limite imposto dalle specifiche tecniche della sviluppatrice.
Questo tipo di tecnologia fu affiancata da plotter inkjet sempre più performanti dal punto di vista produttivo e di gestione software. L'incredibile accelerazione tecnologia degli ultimi venti anni ha infine prodotto plotter inkjet fine art di grande formato dotati di pigmenti archiviali che accoppiati con carte fine art cotone acid free producono stampe di altissima qualità e dalla durata certificata.

Il mondo della stampa digitale ha sempre sofferto una sorta di complesso di inferiorità rispetto a quella tradizionale effettuata all'interno delle classiche camera oscure. L'artigianalità della stampa in camera oscura unita alla "mistica alchemica" ha da sempre dato un valore aggiunto alla stampe fotografiche classiche. Tuttavia un Ingranditore Digitale Lambda realizza stampe cromogeniche su carte colore o STAMPE IN BIANCO E NERO AI SALI DI ARGENTO con lo stesso processo fisico/chimico di un ingranditore analogico. L'arrivo di queste macchine e di plotter sempre più performanti unito alla possibilità di digitalizzare i propri negativi o le diapositve grazie a SCANNER A TAMBURO o SCANNER IMACON ben presto decretò la fine della camera oscura analogica a livello aziendale.

Autori come Massimo Listri, che si appoggiano al nostro laboratorio fotografico ormai da quasi venti anni, hanno vissuto in prima persona questi mutamenti beneficiando tuttavia delle conseguenti migliorie tecniche.
All'interno dei nostri 600 Metri Quadri di spazio dedicati alla STAMPA FINE ART INKJET alle CType PRINT CON INGRADITORE DIGITALE LAMBDA e a un reparto CORNICI e MONTAGGI è possibile stampare le proprie opere fotografiche senza compromessi.
Lavorando con autori come Massimo Listri o con committenze provenienti dal mondo dell'interior design e dell'arredamento ci siamo resi conto che un'ottima stampa fine art (sia essa inkjet o Cprint) è "solamente" il cuore che da vita a un'opera finita che deve essere in linea con la visione del suo creatore, esteticamente impeccabile e duratura nel tempo.
Col tempo il nostro laboratorio fotografico ha infatti sviluppato un portfolio servizi che si basano su un approccio artigianale volto alla massima personalizzazione dell'opera finale. Ogni autore ha una sua visione e richiede oltre a un VASTA SELEZIONE DI CARTE FINE ART e alla POST PRODUZIONE COLLABORATIVA anche la possibilità di avere CORNICI ARTIGIANALI SU MISURA e STAMPE PANNELLIZZATE.  Il grande spazio a disposizione ci permette anche di realizzare lavorazioni di eccellenza quali: LIGHTBOX FINE ART e STAMPE FOTOGRAFICHE SOTTO PLEXIGLASS.
Le stampe fotografiche di grande formato come nel caso del trittico di Massimo Listri che vediamo nel video per essere esposte efficacemente devono essere montate su supporti rigidi. In genere noi consigliamo un montaggio stampa su GATORFOAM o DIBOND. Il primo materiale è indicato quando si vuole avere una stampa pannellizzata su supporto ultra spesso, il Gatorfoam infatti può arrivare allo spessore di 4cm mantenendo un'ottima planarità. Inoltre questo supporto bordabile sui lati in maniera personalizzata dando allo spessore dell'opera una finitura estremamente gradevole.
La stampa montata su dibond invcece è preferibile qualora si voglia ottenere un'effetto ultra sottile. Il dibond da 2mm o 3mm può essere presentato al vivo dotato di DISTANZIALI PER INSTALLAZIONE A MURO. In questo caso la stampa a getto di inchiostro o Cprint viene fatta "galleggiare" sul muro dai distanziali.
In entrambi i casi viene impiegato biadesivo acid free che non compromette la durata della fine art print a cui è accoppiato.

La possibilità di giustapporre più stampe fine art pannellizzate su dibond fornisce l'occasione di realizzare opere fotografiche di grandissime dimensioni. Nel caso specifico di questo trittico di Massimo Listri abbiamo 3 stampe inkjet su carta cotone montate con biadesivo acid free su dibond. Ogni singolo pezzo del trittico ha come dimensione 110x150Cm per un totale finale di 330x150Cm.
Il taglio delle lastre di Dibond come il loro montaggio viene eseguito internamente al nostro laboratorio dal REPARTO CORNICI E MONTAGGI. I supporti rigidi in foto in Dibond tagliati con precisione millimetrica possono essere anche giustapposti per creare un'opera unica dove le giunture sono praticamente invisibili. Questo è possibile anche a un sistema di stampa tramite rip con pannellizzazione che ci permette di calcolare con estrema precisione le abbondanze di stampa onde avere giuntature perfette.

La stampa fine art pannellizzata su Dibond e altri supporti rigidi non è solo un ottimo mezzo per realizzare mostre fotografiche ma è anche una risorsa per chi si occupa di Design e Arredamento di Interni. Il nostro laboratorio fotografico infatti negli anni anche grazie alla sua presenza su Milano con un CENTER CHROME MILANO SHOWROOM ha visto aumentare la produzione di stampe fine art pannellizate con cornici oppure sotto plexiglass per il mondo corporate e dell'ospitalità.
Sempre più architetti e aziende infatti scelgono di connotare in maniera personalizzata e esclusiva i loro spazi mediante l'inserimento di stampe fotografiche di grande e grandissimo formate opportunamente pannellizate e rifinite con le nostre cornici artigianali o messe sotto plexiglass.